More from: lavoro

Liquidità alle Pmi, c’è una task force dedicata per il Cura Italia

Obiettivo immediato è quello di “assicurare l’efficiente e rapido utilizzo delle misure di supporto alla liquidità adottate dal Governo con il Decreto Legge 18/2020”, il cosiddetto Cura Italia. Con questi presupposti nasce la task force costituita dal ministero dell’Economia e delle Finanze, dalla Banca d’Italia, dall’Associazione Bancaria Italiana e dal Mediocredito Centrale (MCC). Il provvedimento prevede una moratoria fino al 30 settembre per i prestiti per le micro imprese, le Pmi, i professionisti e le ditte individuali, mentre l’operatività del Fondo di garanzia per le Pmi, gestito da Mcc, è stata potenziata e ampliata, aumentandone le risorse e l’ambito di intervento e rendendo più veloci e semplici le procedure per l’ottenimento della garanzia. “La task force” riporta la nota che presenta l’iniziativa “opererà per mettere le banche e i soggetti interessati a conoscenza delle nuove procedure, e per agevolarne l’utilizzo. Proseguirà il lavoro di coordinamento e scambio di informazioni già positivamente avviato tra le parti in questi giorni, anche al fine di individuare le soluzioni più appropriate rispetto a eventuali problemi applicativi e facilitarne la divulgazione, contribuendo all’aggiornamento e all’alimentazione della sezione dedicata a ‘Domande e Risposte’ nel sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze. La task force, che avvierà la propria operatività dall’inizio della prossima settimana (dal 30 marzo ndr), coordinerà la raccolta e la diffusione dei dati sugli strumenti previsti dalla normativa”.

Il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese

In particolare, la garanzia del Fondo è all’80% dell’importo (e al 90% in caso di riassicurazione di confidi) per tutti i prestiti fino a 1,5 milioni, ferma restando la possibilità di coprire all’80% anche i prestiti fino a 2,5 milioni quando siano rispettate alcune condizioni, fra cui l’imprenditoria femminile, per i prestiti nel Mezzogiorno e per i finanziamenti per investimenti, nonché per tutti i prestiti fino a 5 milioni che rientrino negli ambiti di attività coperti anche dalle sezioni speciali del Fondo stesso.

Liquidità immediata per le persone fisiche

Il nuovo intervento sul Fondo attivato a seguito del decreto Cura Italia prevede anche l’avvio di una linea per la liquidità immediata (fino a 3.000 euro) per gli imprenditori persone fisiche (le partite IVA, anche se non iscritti al registro delle imprese) con accesso senza bisogno di alcuna valutazione da parte del Fondo, che si affianca alle garanzie all’80% già attive sul micro-credito e sui finanziamenti fino a 25.000 euro (cosiddetto importo ridotto).


Se è open il lavoro è più produttivo

Un ambiente di lavoro “open” permette di condividere informazioni e idee con i colleghi più liberamente. È un ambiente in cui è più facile dare il proprio contributo in merito alle decisioni, poiché favorisce i legami interpersonali tra i membri del team, permettendo di ottenere un feedback bidirezionale tra manager e dipendenti.

Un approccio di questo genere non sortisce effetti positivi solo sul benessere dei lavoratori, ma rende i gruppi di lavoro altamente produttivi. Lo confermano i risultati emersi dalla Open Work Survey, lo studio commissionato da Atlassian, la società che realizza soluzioni di team collaboration per aiutare i team aziendali a sviluppare tutto il loro potenziale.

Cosa rende un team di successo?

Cosa si intende per lavoro open? Si tratta di un metodo che mette al centro la condivisione di informazioni e idee, la connessione tra le persone e la possibilità di esprimere il proprio giudizio, riporta Adnkronos. Dai risultati della ricerca di Atlassian emerge che il 94% degli intervistati ritiene che il rispetto reciproco sia importante per il successo di una squadra, l’89% pensa che un processo decisionale trasparente migliori i risultati del team, il 69% è in grado di ammettere i propri errori, e il 57% dei team ad alto rendimento si sente libero di fornire un feedback sincero.

Contesto condiviso, feedback diretto, e accesso alle informazioni

Le tre pratiche fondamentali di un approccio aperto sono il contesto condiviso, il feedback diretto, e l’accesso alle informazioni. Le persone coinvolte in un progetto di cui non riescono a vedere il quadro generale tendono a sentirsi frustrate, portando a una diminuzione delle prestazioni. Tra i team di successo, invece, il 66% è consapevole dell’importanza del proprio ruolo ai fini dello sviluppo del business o a quelli del servizio al cliente.

Uno stile di lavoro aperto incoraggia poi feedback e input da parte di tutti i membri di un team, indipendentemente da ruolo e posizione. E i dati della ricerca confermano che il 57% dei team di successo si sente libero di dare un feedback sincero e diretto.

Serve un cambiamento culturale all’interno dell’azienda

Le risposte fornite dagli intervistati dimostrano la correlazione tra il benessere individuale e la quantità di informazioni in possesso nello svolgimento di un progetto. I team realmente aperti dovrebbero avere la capacità di condividere il know-how all’interno del gruppo e in tutta l’azienda, così da migliorare il lavoro di tutti. Più della metà dei gruppi di lavoro considerati di successo ritiene di avere facile accesso alle informazioni di cui ha bisogno. Il che li pone in una posizione di grande vantaggio rispetto agli altri. Esiste quindi un rapporto molto forte fra un approccio di lavoro open e il successo di un team. E nonostante questa metodologia di lavoro comporti un cambiamento culturale all’interno dell’azienda l’approccio open aiuta i gruppi di lavoro a migliorare il proprio benessere interno, trasformandoli, appunto, in team di successo.