Drogati di farmaci: in UE si studia e si lavora meglio con le “smart drugs”

Scoppia il boom dei farmaci utilizzati in modo improprio per potenziare l’attenzione e migliorare le prestazioni di studio e lavoro.

“C’è un crescente uso legato agli stili di vita di farmaci che potenziano le capacità cognitive da parte di persone sane. Il che solleva preoccupazioni etiche”, osserva Barbara Sahakian, neuroscienziata dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, in seguito ad un sondaggio-studio pubblicato nell’International Journal of Drug Policy e ripreso da Nature online. Come riporta l’Ansa, si tratterebbe di sostanze normalmente prescritte nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), nel disordine del sonno per chi fa turni notturni, ma anche stimolanti illegali come la cocaina.

I maggiori aumenti in Europa

Ad allarmare sono i numeri delle persone –  decine di migliaia di 15 nazioni nel mondo –  che ha dichiarato di aver utilizzato ‘smart drugs’, o ‘droghe intelligenti’ almeno una volta nei 12 mesi precedenti nel 2017, con una crescita del 9% in due anni.

E se il tasso medio dei consumi maggiore – tra il 2015 e il 2017 – è stato registrato in Usa, anche l’Europa non scherza, con una particolare concentrazione di dipendenza da farmaco in Francia e Gran Bretagna. Seguono Olanda e in Irlanda, con un incremento dal 4% al 18% negli ultimi due anni.

Queste scioccanti cifre servono a indicare il tragico aumento dell’abuso di farmaci e medicinali da prescrizione. Mentre l’uso appropriato di tali farmaci, sotto la direzione di un medico, può essere terapeutico, il loro abuso lascia ampio spazio a giochi pericolosi e i risultati di questo possono essere devastanti e persino minacciose per la vita, dipendentemente dalla sostanza, dalle circostanze e dalla frequenza d’uso. Tuttavia, anche l’uso occasionale può esporre ad aumentato rischio di danni significativi, tra cui il sovradosaggio, incidenti stradali, comportamenti violenti, e le conseguenze del rapporto sessuale.

Possibile acquistare illegalmente con tanta facilità?

Dove è possibile procurarsi queste sostanze in modo illecito? Dal web emerge che esistono decine di siti internet che fungono da manuali per spiegano come acquistare farmaci che nel nostro Paese sono illegali senza la ricetta medica.

Quasi un’epidemia il fai-da-te su internet e i consigli degli amici. Circa la metà delle persone ha dichiarato di avere ottenuto questi farmaci attraverso gli amici; il 10% li ha acquistati da un rivenditore o su internet; il 6% li ha ottenuti da un membro della famiglia; e il 4% ha dichiarato di avere le proprie ricette. Numeri da capogiro per i consumatori improvvisati che puntano tutto sul miracolo prestazionale. Un autentico doping mentale.


Comments are closed