Per “leggere” le emozioni non basta guardare il volto

Lo afferma uno studio della Ohio State University. Per “leggere” le emozioni non basta guardare il volto. Il volto non è l’unico specchio delle emozioni, come generalmente si è abituati a pensare. Le espressioni facciali non raccontano tutto ciò che stiamo provando. A evidenziarlo è proprio una ricerca guidata dalla Ohio State University, presentata al meeting annuale dell’American Association for the Advancement of Science. I ricercatori hanno analizzato la cinetica del movimento muscolare nel viso umano e confrontato i movimenti muscolari con le emozioni. E hanno scoperto che i tentativi di rilevare o definire le emozioni in base alle espressioni facciali erano quasi sempre sbagliati. Ma cosa bisogna osservare? E di cosa è necessario tenere conto?

Assumere diverse espressioni facciali in base al contesto e al background culturale

“Ognuno assume diverse espressioni facciali in base al contesto e al background culturale – ha commentato Aleix Martinez, uno degli autori della ricerca – è importante rendersi conto che non tutti quelli che sorridono sono felici. Non tutti quelli che sono felici sorridono. La maggior parte delle persone che non sorridono non sono necessariamente infelici”. A ciò si aggiunge il fatto che a volte si sorride o si assumono altre espressioni per l’obbligo delle norme sociali.

Le tecnologie per riconoscere i movimenti dei muscoli facciali non sono sufficienti

Questo non sarebbe intrinsecamente un problema, ma alcune aziende hanno iniziato a sviluppare alcune tecnologie per riconoscere i movimenti dei muscoli facciali e assegnare determinate emozioni o intenti a tali movimenti. Il gruppo di ricerca ha analizzato alcune di queste tecnologie, ma le ha trovate in gran parte carenti, riporta Ansa. Dopo aver esaminato i dati, il team di ricerca ha concluso che occorre molto di più per rilevare correttamente le emozioni.

Cercare indizi nel colore del viso, nella postura e nel contesto sociale

Ma su quali aspetti è necessario porre attenzione per interpretare correttamente le emozioni?  Ad esempio il colore del viso. Osservare la colorazione del volto, associandola alle espressioni facciali, può fornire alcuni indizi.

“Quando si provano delle emozioni – ha sottolineato Aleix Martinez – il cervello rilascia peptidi (principalmente ormoni) che cambiano il flusso sanguigno e la composizione del sangue, e poiché il viso è inondato di questi peptidi, cambia colore”.

Anche l’intero corpo umano offre però suggerimenti. Ad esempio attraverso la postura che si assume. Per non parlare del contesto, che gioca un ruolo fondamentale nell’espressione delle emozioni, insieme alle differenze culturali che incidono, e non poco, sul comportamento.


Comments are closed