Vacanze, gli italiani hanno scoperto il fascino di settembre

Metti insieme giornate ancora lunghe e assolate, meno affollamento e soprattutto prezzi abbordabili: ecco, in estrema sintesi, le ragioni del successo delle vacanze trascorse a settembre. Già, perché questo 2017, che dal punto di vista turistico si è chiuso benissimo, ha visto l’exploit delle ferie a settembre. E l’Italia si è confermata la destinazione protagonista, non solo da parte dei nostri connazionali ma anche da tanti, tantissimi visitatori stranieri.

Una stagione da record

Con il mese di settembre si è conclusa una stagione turistica particolarmente positiva per il nostro Paese. Sono stati infatti 38 milioni gli italiani che hanno deciso di trascorrere una vacanza durante l’estate 2017: un numero in crescita addirittura del 9% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. Un segnale positivo viene inoltre dall’aumento degli arrivi dei turisti stranieri, attirati anche dal clima tranquillo dell’Italia rispetto ad altre mete considerate pericolose. Il consuntivo di questa splendida estate emerge da una indagine Coldiretti/Ixè.

Le vacanze non finiscono con agosto

La ricerca evidenzia in particolare le eccezionali performance del mese di settembre. Il nono mese ha fatto registrare una positiva tendenza all’allungamento della stagione turistica rispetto al passato. Per molti si è trattato in realtà di un bis della vacanza con il mese di settembre che – sottolinea la Coldiretti – è particolarmente apprezzato da quanti cercano il relax e la tranquillità ma vogliono anche approfittare dei risparmi possibili con l’arrivo della bassa stagione.

Non si tratta soltanto di budget

La scelta di concedersi delle giornate di riposo durante settembre non risiede solo ed esclusivamente nella ricerca del risparmio, anzi. “Ad apprezzare il mese di settembre sono soprattutto coloro che vogliono cogliere l’ultimo scampolo dell’estate per riposarsi e tornare in forma alla routine quotidiana. Anche se il mare è restato protagonista, a settembre si è registrato infatti un aumento in percentuale del turismo legato alla natura in montagna, nei parchi e nelle campagne rispetto alle mete tradizionali come dimostrano quasi un milione di pernottamenti in agriturismo” spiega una nota della Coldiretti. D’altronde, una vacanza a contatto con la natura con lunghe passeggiate nei boschi è l’ideale per tanti turisti e buongustai che hanno approfittato anche delle numerose sagre che proprio in questo mese abbondano in tutto il Paese. Un’occasione preziosa per  scoprire tradizioni gastronomiche locali attraverso piatti tipici e specialità prima di arrendersi ai classici sandwich consumati in fretta nelle città durante la pausa pranzo, una volta tornati al lavoro e al solito tran tran.


Comments are closed