Smart working, non solo vantaggi: il prezzo del lavoro da remoto

Comodo, efficace, utilissimo quando non si poteva fare che così: ma lo smartworking, fra tutti i i suoi aspetti positivi (è stato un “salvavita” nei periodi duri del lockdown) adesso presenta il conto. E non tutti gli italiani lo amano: sebbene il bilancio sia positivo sul fronte dell’aumentata possibilità di conciliare i tempi di vita e di lavoro, ci sono anche diverse zone d’ombra che possono avere effetti anche sul clima aziendale e sulle relazioni di lavoro, fino ad arrivare alla disaffezione. Lo rivela il capitolo “Smart working, una rivoluzione nel lavoro degli italiani”, contenuto nel Rapporto “Gli italiani e il lavoro dopo la grande emergenza”.

A casa è meglio sì o no?

Ecco qualche dato emerso dalle ricerca: il 16,7% dei lavoratori intervistati guarda allo smart working come un punto di non ritorno della propria vita professionale; oltre il 10,7% cercherebbe un qualsiasi altro lavoro pur di svolgerlo da casa. Il 43,5% si adatterebbe al ritorno in ufficio, ma 4 su 10 sarebbero contenti di tornare a lavorare tutti i giorni in presenza. Quello che cambia, a livello di percepito, è determinato da diversi fattori, come il genere, l’età o la presenza o meno di figli a casa. In generale, sono gli uomini quelli che hanno più sofferto l’home working, sia sotto il profilo della carriera sia sotto quello delle relazioni (52,4% contro 45,7% delle donne), anche se ne hanno beneficiato in produttività e concentrazione. Le donne, invece, hanno patito l’allungamento dei tempi di lavoro (57% contro il 50,5% degli uomini) e l’inadeguatezza degli spazi casalinghi (42,1% contro 37,9%), evidenziando un maggior rischio di disaffezione verso il lavoro (44,3% rispetto al 37% dei colleghi).

Work-life balance… in bilico tra le quattro mura

Se in sei casi su dieci lo smart working ha consentito di conciliare meglio professione e vita privata, non è stato così per chi aveva maggiori carichi familiari. In primis le coppie, il cui work-life balance è peggiorato per il 43% del campione. Ma l’home working ha avuto anche ricadute pratiche, in termini di spesa e disturbi fisici legati a postazioni domestiche inadeguate. Il 71,1% dichiara di aver diminuito le spese per spostamenti, vitto e vestiario, investendo in consumi legati al tempo libero nel 54,7% dei casi, ma il 48,3% paga il conto per l’utilizzo di sedie e scrivanie improvvisate e il 39,6% lamenta l’inadeguatezza degli spazi e delle infrastrutture, come i collegamenti di rete.


Le tariffe al tempo del Covid

A un anno dall’inizio della pandemia sono cambiate le tariffe delle principali spese familiari? La risposta arriva da Facile.it, che ha confrontato i costi delle tariffe di Rc auto, mutui, prestiti, bollette, conti correnti, telefonia mobile e internet tra gennaio 2020 e oggi.  Per i mutui, ad esempio, Facile.it registra un calo dei tassi, che vedono gli indici mediamente inferiori rispetto a quelli rilevati prima del Covid. Il tasso fisso però a marzo 2021 è tornato a crescere, mentre risulta più stabile l’andamento del tasso variabile, ancora oggi fermo su livelli minimi. Torna quindi ad allargarsi la forbice tra tassi fissi e variabili, che negli ultimi anni si era ridotta ai minimi.

Rc Auto e bollette di luce e gas

Il lockdown ha determinato una contrazione delle tariffe assicurative. I premi medi sono rimasti su livelli molto bassi per tutto l’anno e ancora oggi le condizioni sono estremamente favorevoli. Secondo l’osservatorio Rc auto di Facile.it, il premio medio rilevato a febbraio 2021 era inferiore del 13,5% rispetto a quello di febbraio 2020. Come per i mutui, però, la curva sembra aver iniziato una inversione di tendenza, tanto che da gennaio a febbraio 2021 è stato rilevato un rincaro dell’1,44%. Stesso andamento per le tariffe luce e gas. Se nel primo semestre 2020 l’arrivo del Covid ha determinato un calo del costo dell’energia, a partire dall’ultimo trimestre dell’anno i prezzi sono tornati a salire, e oggi le tariffe medie sono addirittura superiori rispetto a quelle rilevate prima dell’inizio della pandemia.

Prestiti personali, telefonia mobile e fissa, e internet

Andamento opposto per i prestiti personali: il Covid-19 ha avuto un impatto estremamente negativo sul settore. Nella prima metà del 2020 questo ha portato a un atteggiamento di maggior cautela da parte delle società di credito, che si è tradotto nell’aumento dei tassi di interesse e l’irrigidimento dei criteri di valutazione dei richiedenti. Notizie in chiaroscuro arrivano invece dal mondo della telefonia. Sul fronte mobile non sono state rilevate grandi variazioni, con l’importo medio stabile a circa 13 euro al mese. Quanto a internet, Facile.it evidenzia un aumento dei prezzi offerti a chi vuole cambiare operatore o attivare una nuova linea, per un rincaro del 5,3%.

Conti correnti sempre meno gratuiti

L’offerta bancaria è estremamente ampia, ma se da una parte continuano a esistere i cosiddetti conti a zero spese, alcuni istituti hanno cominciato a richiedere un canone fisso. Quello che risulta evidente è che gli istituti provino a disincentivare i prelievi di contante e favorire i pagamenti con carta, soprattutto tramite promozioni che si basano sui meccanismi di cashback. Lo scenario dei conti italiani vede quindi oggi alcune tipologie emergenti: pochi conti gratuiti con prelievi a pagamento o pochi prelievi inclusi, conti più tradizionali con alti costi di mantenimento, o con canoni annui bassi, ma con altre funzionalità gratuite, e conti che prevedono l’azzeramento del canone a patto che diventino veicolo di pagamento di utenze, accredito stipendio e via dicendo.