Microsoft Teams semplifica la comunicazione con amici e famiglia

L’obiettivo di Microsoft Teams è quello di semplificare la comunicazione con amici e famiglia. Se finora la piattaforma di comunicazione si era rivolta principalmente ai professionisti e ai lavoratori connessi da remoto, ora ha infatti introdotto nuove funzionalità progettate appositamente per gli utenti consumer. 

Microsoft Teams diventa quindi un hub centrale per la comunicazione e la gestione della propria vita privata. Le funzionalità consumer di Teams ora sono disponibili gratuitamente in tutto il mondo. Chi usa già l’app per lavoro dovrà semplicemente cliccare sul proprio profilo e aggiungere l’account personale, mentre i nuovi utenti possono scaricare Microsft Teams per iOS, Android, oppure desktop, e scoprire tutte le novità della piattaforma.

Nuovi contesti virtuali per le chiamate e l’invio di reaction e GIF

Tra le novità lanciate da Teams c’è la modalità Together, con cui è possibile trasformare qualsiasi videocall tra amici e parenti in uno spazio condiviso.

Con Together è infatti possibile scegliere tra una varietà di nuovi contesti virtuali come, ad esempio, un salotto, una caffetteria o persino un resort vacanze, per aggiungere un tocco di allegria alle proprie chiamate quando si è distanti fisicamente. Un’altra novità introdotta dalla piattaforma riguarda l’invio di reaction e GIF, una feature derivata direttamente dalla versione business di Teams.

Invitare fino a 300 persone all’interno della stessa videochiamata

GIF e reaction possono essere utilizzate anche a seguito di una call a cui non si è potuti partecipare per continuare la conversazione. Microsoft Teams permette infatti di accedere in qualsiasi momento al thread per leggerlo e consultarlo anche dopo la conclusione del meeting virtuale. Microsoft Teams permetterà inoltre di invitare fino a 300 persone all’interno della stessa videochiamata, utilizzando qualsiasi Device (PC, Mac o dispositivi Android o iOS) o web browser. In aggiunta a questo, anche gli utenti che non utilizzano Teams potranno visualizzare e rispondere alla chat di gruppo utilizzando gli sms.

Organizzare i contenuti e tenere traccia delle scelte condivise nel gruppo

Inoltre, per ogni chat si avrà a disposizione una dashboard dove organizzare tutti i contenuti condivisi all’interno del gruppo, dalle foto ai file, dai link fino ad arrivare ai task condivisi e agli eventi imminenti. Un’ulteriore funzione presto disponibile è quella del sondaggio, modalità per tener traccia delle scelte condivise, come ad esempio dove andare a cena, oppure, in quale giorno fissare la festa di compleanno per un membro della famiglia. Una volta completato, qualsiasi partecipante all’interno della chat di gruppo può intervenire sulla base dei risultati ottenuti, sia che si tratti di creare un gruppo per l’evento da organizzare sia che si tratti di assegnare un task, riferisce TheDigitalClub. 


Cos’è il bonus prima casa, come ottenerlo e quando si perde

Quando si acquista la prima casa esistono alcune agevolazioni di cui si usufruisce in sede di rogito, che possono però decadere se non si rispettano le condizioni imposte dalla legge. Ma cos’è il bonus prima casa? Si tratta di un’agevolazione fiscale che consente di usufruire di uno sconto sulle tasse al momento dell’acquisto di un’abitazione. Grazie al bonus prima casa chi acquista da una ditta di costruzioni versa l’Iva al 4% anziché al 10%, e le imposte ipotecaria, catastale e di registro, anziché in misura proporzionale, sono pari a 200 euro ciascuna. Chi acquista da un privato invece versa l’imposta di registro al 2% anziché al 9%, e le imposte ipotecaria e catastale, anziché in misura proporzionale, sono pari a 50 euro ciascuna. È quindi importante, ricorda laleggepertutti.it, stare attenti a non perdere queste agevolazioni per evitare di pagare le sanzioni all’Agenzia delle Entrate.

Come si ottiene il bonus prima casa?

Per ottenere il bonus prima casa è necessario che l’immobile da acquistare sia una civile abitazione, l’acquirente deve provvedere a trasferire la propria residenza nello stesso Comune ove si trova l’immobile entro i 18 mesi successivi all’acquisto, l’acquirente non deve essere proprietario (neanche per quote) di altre abitazioni nel Comune ove si trova l’immobile da acquistare né di un’altra abitazione, ovunque situata in Italia, per la quale abbia già usufruito del bonus prima casa. Inoltre, l’immobile acquistato non deve essere venduto prima del quinto anno dal rogito. Tuttavia, se ciò dovesse avvenire, per non decadere dal bonus prima casa è necessario acquistare, entro 1 anno, una nuova abitazione che abbia le stesse caratteristiche della prima casa qui elencate.

Come si perde il bonus prima casa?

Tenendo conto delle condizioni che non devono necessariamente sussistere al momento dell’acquisto della proprietà, ma che possono essere rispettate anche in un momento successivo, il bonus prima casa si perde se non si trasferisce la residenza entro 18 mesi dal rogito, se non si vende l’abitazione precedente catalogata come ‘prima casa’ entro 1 anno dal rogito, se si vende l’immobile prima di 5 anni dall’acquisto senza acquistarne un altro che abbia i requisiti della prima casa.

Che succede se si perde il bonus prima casa?

Chi decade dal bonus prima casa subisce alcune conseguenze. Innanzitutto è costretto a versare all’Erario le imposte sul rogito (Iva, Registro, ipotecaria e catastale) in misura piena. In pratica, dovrà allo Stato la differenza tra quanto ha pagato in forza dell’agevolazione fiscale e quanto avrebbe invece dovuto pagare se non ne avesse usufruito. Oltre a ciò dovrà anche versare le sanzioni pari al 30% dell’importo sopra detto.